domenica 6 novembre 2016

Giornata dell'Unità Nazionale e delle Forze Armate.


Finalmente oggi (6 novembre 2016 ndr), dopo 22 anni, al monumento ai caduti in Piazza San Nicandro a Tremensuoli è stata deposta, per la prima volta, una corona d’alloro, offerta dall’assessore Pietro Nicandro D’Acunto. La cerimonia è cominciata con la messa domenicale nella chiesa del Sacro Cuore, da dove, al termine, è partito il corteo con la corona “ufficiale” offerta dall’amministrazione comunale di Minturno, per essere deposta (come si è sempre fatto) presso la croce dei Padri Passionisti in Piazza Bergantino. Dopo la benedizione da parte di don Massimo Capodiferro, una piccola parte del corteo, alla spicciolata, sfidando la pioggia, s’è recato al monumento inaugurato nel 1994, dove è stata deposta la seconda, appunto quella offerta dall’Assessore, con la relativa benedizione da parte di don Massimo. Si ringrazia pertanto l’amministrazione comunale del sindaco Stefanelli, per la sensibilità dimostrata, accogliendo le richieste del comitato di quartiere, che si propone di continuare una fattiva e concreta collaborazione, affinché Tremensuoli, la più antica frazione comunale, riacquisti una dignità, purtroppo, da molti anni rimasta solo nelle intenzioni delle precedenti amministrazioni. Alla cerimonia, oltre l’assessore D’Acunto, erano presenti autorità civili e militari, tra cui rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri, della Polizia Locale, della Protezione Civile, del Comitato di Quartiere ed i cittadini tremensuolesi. Al termine D’Acunto ha rivolto un breve discorso ai presenti per la celebrazione del novantottesimo anniversario dell’Unità Nazionale, giorno dell’Armistizio della Prima Guerra Mondiale che riportò all’Italia Trento e Trieste, rendendo compiuta l’Unità Nazionale ed il compimento del glorioso Risorgimento Italiano e l'Integrità della nostra Nazione. Ha ricordato quanti hanno sacrificato la propria vita per la Patria e per l'Unità della nostra Nazione. In questa giornata, insieme, riflettiamo sulla Patria, sulle responsabilità e sui doveri che ciascuno di noi ha nei suoi confronti: l’Unità d'Italia, l'Indipendenza e la Libertà sono conquiste straordinarie che vanno difese ogni giorno, ma oggi è anche la Festa delle nostre Forze Armate, che sono parte integrante del Nazione, impegnate sul territorio nazionale, a difesa della nostra sicurezza e nei luoghi più lontani del pianeta a difesa del diritto alla vita di tante popolazioni e degli ideali di libertà e democrazia. Le Forze Armate, sono la parte migliore della nostra Italia ed il loro attaccamento alla Patria è motivo d'orgoglio per tutti noi, ma anche una garanzia di sicurezza per il futuro della nostra democrazia. Viva le Forze Armate, Viva Tremensuoli, Viva l’Italia Unita.

Nessun commento: