martedì 19 agosto 2014

Un evento eccezionale.



Il 2014 sarà ricordato dalla popolazione di Tremensuoli, la più antica frazione del Comune di Minturno, come un anno particolare, infatti, dopo la santificazione dei due grandi pontefici come Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II, avvenuta in Vaticano il 27 aprile u.s. e dopo la processione unitaria, in data 18 maggio 2014, dei due Santi Patroni di Formia sant’Erasmo e san Giovanni Battista in occasione del 70° anniversario della liberazione della città di Formia, anche la parrocchia di san Nicandro martire di Tremensuoli ha commemorato la festività patronale del 10 agosto portando in processione, per le strade del paese, le statue dei Santi Protettori san Nicandro, patrono, e san Sebastiano, compatrono. Risale al 1150 la notizia, conservata nell’archivio della curia diocesana di Gaeta, dell’unione di due cappelle dedicate ai santi Nicandro e Sebastiano. A tale periodo, probabilmente, risale la struttura particolare della chiesa, il cui impianto, con tre bracci regolari ed un quarto più corto, corrispondente all’abside rettangolare, si può assimilare ad uno schema a croce greca. Come detto, il Santo Patrono di Tremensuoli è san Nicandro martire, la cui statua, ogni seconda domenica di agosto, è portata in processione sino allo spiazzo, dove ora è sito l’oratorio parrocchiale, alle spalle della nuova chiesa, che è chiamato il “Pastino” di san Nicandro e lì avviene un rito antico e struggente: san Nicandro benedice dall’alto tutto il territorio sottostante  che fino al 1931 (parroco don Antonio Forte), è appartenuto per secoli alla giurisdizione parrocchiale di Tremensuoli. Nicandro, prefetto dell’esercito imperiale romano, insieme con il commilitone Marciano, si ascrisse alla religione cristiana e, tacciati a causa di ciò di commettere nefande azioni, vennero entrambi denunciati al governatore Massimo, funzionario di Massimiano Imperatore che tentò in tutti i modi di farli rinunciare alla religione cristiana. Nicandro si dimostrò inflessibile nel non voler rinnegare la religione cristiana disobbedendo così agli ordini dei superiori. Marciano, da parte sua, confermò le parole del commilitone. Poi, due colpi di spada fecero saltare le due teste. Era il 17 giugno 297. Si narra che san Nicandro  abbia salvato il piccolo borgo di Tremensuoli dalla invasione dei barbari e quindi dalla distruzione, facendo apparire una intensa nube di moscerini che non permise loro di proseguire e così il paese venne risparmiato. San Sebastiano ebbe la stessa sorte di san Nicandro. Si narra, infatti, che fosse nato in una famiglia cristiana e giovanissimo si trasferì a Roma per entrare nelle guardie dell’Imperatore. In breve tempo raggiunse i massimi gradi della gerarchia militare, venendo nominato tribuno della prima coorte grazie all’appoggio dello stesso Imperatore che lo stimava per la sua lealtà ed intelligenza, non sospettando che fosse cristiano. Quando venne scoperto che era cristiano, all’Imperatore non restò altra scelta che quella di condannarlo. Com'è noto, la condanna fu quella di venire legato al tronco di un albero e di essere trafitto dalle frecce dei commilitoni. Si racconta che la devozione degli abitanti di Tremensuoli per san Sebastiano risale al 1500, in modo particolare viene ricordata la data del 20 gennaio, giorno in cui la chiesa festeggia il Santo, durante il quale i “tremensuresi” si rivolsero a Lui per essere protetti da una epidemia di peste e, avendo ottenuto la grazia della liberazione da tale malattia, lo posero, per onorarlo, accanto a san Nicandro come compatrono. La data del 20 gennaio, però del 1944, poi è un’altra data che il paese di Tremensuoli ricorda, in quanto, a seguito dei bombardamenti messi in atto dagli Alleati per sfondare la linea “Gustav”, il paese venne risparmiato e tale evento è stato ricollegato all’intervento di san Sebastiano. Quindi, gli abitanti di Tremensuoli, visto il fervore che il neo parroco, Don Massimo Capodiferro, sta facendo ritornare tra la popolazione ed in modo particolare tra i giovani, hanno invitato il comitato dei festeggiamenti di onorare, forse per la prima volta nella storia del paese, insieme al Santo Patrono san Nicandro, anche san Sebastiano, compatrono.
Aurelio Carlino

Nessun commento: